PSICOLOGIA DELL’ETÀ EVOLUTIVA

  • Metodo di Studio
  • Ansia e scarsa motivazione
  • Tristezza e isolamento
  • Disturbi specifici dell’apprendimento – lettura (dislessia) – scrittura (disgrafia) – calcolo (discalculia)
  • Disturbi dell’ Attenzione e Iperattività.

Come si può intervenire?

Il primo colloquio è dedicato ai genitori in modo che abbiano spazio per spiegare le difficoltà del loro bambino/ragazzo ed esprimere ansie e preoccupazioni. Si affronta poi un iter diagnostico con il bambino in modo da poter individuare con strumenti specifici le difficoltà e formulare così una diagnosi e un progetto di intervento costruito a seconda delle difficoltà del piccolo. Dopo di che ci sarà un momento di condivisione con i genitori e di spiegazione dei risultati ottenuti. Solo a questo punto procede alla presa in carico per il trattamento concordato che prevederà momenti di confronto anche con la coppia genitoriale

PSICOTERAPIA DELL’ETÀ ADULTA

  • Ansia, eccessiva preoccupazione
  • Attacchi di panico
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Tristezza e angoscia, depressione
  • Disturbi dell’alimentazione – anoressia, bulimia, alimentazione incontrollata, obesità psicogena
  • Dipendenze da alcool, droghe, internet e gioco d’azzardo patologico
  • Problematiche legate alla coppia

 

Come si può intervenire?

Prendere un primo appuntamento non significa certamente una immediata presa in carico, i primi colloqui sono utili allo psicologo per meglio comprendere il problema presentato e al cliente per avere tutti i chiarimenti necessari rispetto all’attività dello psicologo. Solo successivamente si procederà ad un iter diagnostico, se necessario, e alla formulazione di un progetto terapeutico che lo psicologo espliciterà al cliente e che si deciderà di comune accordo di iniziare.

× Chatta con noi